Divieto di fecondazione eterologa: incostituzionale

La Corte Costituzionale ha dichiarato l’illegittimità della norma della legge 40 che vieta il ricorso a un donatore esterno di ovuli o spermatozoi nei casi di infertilità assoluta.

Una pronuncia in tal senso era attesa da tante coppie che, a causa di una infertilità assoluta,  potevano sperare solo nella donazione esterna di ovuli o spermatozoi per avere un bambino.

Per queste persone, la cancellazione del divieto di fecondazione eterologa significa vedere riconosciuto il diritto a essere genitori.

Le ordinanze dei tre tribunali che circa un anno fa avevano sollevato dubbi di costituzionalità  pongono l’accento proprio su quest’aspetto e lo sviluppano prospettando la violazione di numerosi articoli della Costituzione: dall’articolo 2 sui diritti inviolabili dell’uomo all’articolo 3 sul principio di uguaglianza; dal 29 sulle tutele alla famiglia al 31 sulla tutela della maternità; dal 32 sul diritto alla salute al 117 sui vincoli rispetto all’ordinamento comunitario.

Da oggi quindi la prospettiva futura cambia: sarà possibile ricorrere al materiale genetico di un terzo donatore se uno dei due partner è sterile.

 

Segnalazioni e Documenti

Nessuna Segnalazione o Documento correlato ancora!

Articoli correlati

Nessun articolo correlato ancora!

Lascia un commento

(Non sarà pubblicata)
(compreso http://)


sette + = 15

Attenzione: Puoi usare solo questi tag html:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>