Bonus bebè 2015: come fare domanda

bimbo

Bonus bebè 2015, finalmente le direttive del governo per richiedere l’aiuto economico. E’ attiva da lunedì 11 maggio la possibilità di avanzare all’Inps domanda di accesso alla prestazione straordinaria.

Si tratta di un aiuto per i neo genitori assicurato in legge di stabilità 2015, che consente alle giovani famiglie che hanno avuto – o avranno – un bebè tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, a decorrere dal giorno di nascita.

Inizialmente, il bonus era stato previsto per tutti coloro che presentassero reddito Isee famigliare entro i 90mila euro, una soglia che, poi, nei vari passaggi parlamentari della finanziaria, è stata considerevolmente abbassata.

Ecco le indicazioni ufficiali del governo

La domanda può essere presentata da uno dei genitori che siano cittadini italiani o comunitari oppure cittadini di Stati extracomunitari con permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo. Al momento della domanda il richiedente deve essere residente in Italia e convivente con il figlio per il quale si richiede l’assegno. Condizione essenziale per accedere all’assegno è il possesso di un ISEE, in corso di validità con un valore non superiore 25.000 euro annui.

L’assegno è corrisposto dall’Inps e decorre dalla data di nascita o di ingresso in famiglia.

L’importo annuo è pari a:

  • 960 euro (80 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 25.000 euro annui;
  • 1.920 euro (160 euro al mese per 12 mesi), nel caso in cui il valore dell’ISEE non sia superiore a 7.000 euro annui.

L’assegno è riconosciuto per ogni figlio nato o adottato o in affido preadottivo tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017, a decorrere dal giorno di nascita o di ingresso nel nucleo familiare.

Spetta, persistendo i requisiti di legge, fino al compimento del terzo anno di età del bambino oppure fino al terzo anno di ingresso del minore nel nucleo familiare a seguito dell’adozione o dell’affidamento preadottivo. L’assegno è erogato per massimo 36 mensilità che si computano a partire dal  mese di nascita o di ingresso in famiglia.

La domanda deve essere presentata all’INPS esclusivamente in via telematica, mediante uno dei seguenti canali:

  • sito dell’INPS, servizi per il cittadino, tramite PIN dispositivo
  • Contact Center Integrato – numero verde 803.164 o numero 06 164.164
  • Patronati, attraverso i servizi offerti dagli stessi.

Il servizio d’invio delle domande è disponibile sul sito INPS attraverso il seguente percorso: -> Servizi per il cittadino -> Autenticazione con PIN -> Invio domande di prestazioni a sostegno del reddito -> Assegno di natalità – Bonus bebè.

La domanda deve essere presentata entro 90 giorni dalla nascita del bambino o dall’ingresso in famiglia a seguito di adozione o affidamento preadottivo. In via transitoria, per le nascite o adozioni avvenute tra il 1° gennaio 2015 e il 27 aprile 2015, il termine di 90 giorni per la presentazione della domanda decorre dal 27 aprile (scadenza 27 luglio 2015).

Ulteriori chiarimenti sono forniti dalla circolare Inps dell’8 maggio 2015

Articolo pubblicato su www.leggioggi.it

Lascia un commento

(Non sarà pubblicata)
(compreso http://)


due + = 8

Attenzione: Puoi usare solo questi tag html:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>